Giuseppe Bernoni

    Blog del Dottor Giuseppe Bernoni

    STUDIO ASSOCIATO: TRIBUNALE DI PARMA

    Secondo il Tribunale di Parma, è’ inapplicabile l’obbligo assicurativo all’ Inail per i liberi professionisti di uno studio associato; secondo il Tribunale lo studio associato non è un soggetto giuridico autonomo rispetto agli associati, bensì una mera modalità di esercizio della professione.

    AUDIT DELLE ENTRATE: NUOVA STRUTTURA

    L’Audit dell’Agenzia delle Entrate si fa in quattro. I nuovi uffici ,dedicati al controllo dei controllori fiscali, si articoleranno in quattro aree territoriali: Nord Ovest (sede Milano e competenza su Liguria, Lombardia, Piemonte e Valle D’Aosta); Nord Est (sede Venezia e competenza su Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Veneto e province Trento e Bolzano), Centro (sede Roma e competenza su Abruzzo, Lazio, marche, Molise e Sardegna, Umbria e Toscana), Sud (sede Napoli e competenza su Basiilcata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

    A presidio dei controlli 46 audit manager svolgeranno gli interventi anche sugli uffici periferici,  per controllare la regolarità amministrativa e contabile, nonché effettuare indagini conoscitive sulla corretta applicazione dei principi di autonomia e indipendenza.

    VERIFICHE IN SEDE: SENTENZA DI CASSAZIONE

    Secondo la Corte di Cassazione, nella verifica fiscale nei confronti di un professionista è necessaria la sua presenza, se invece il controllo è svolto nei confronti di un’impresa la delega ad assistere alle operazioni può essere legittimamente conferita al consulente, anche per telefono, a patto che ne sia stata data evidenza nel processo verbale.

    SEGRETO PROFESSIONALE E CONTROLLI DEI VERIFICATORI

    Il tema del segreto professionale si pone nel corso dei controlli. L’art. 200 del cpp prevede che il professionista non è obbligato a deporre su quanto conosciuto, la violazione è penalmente sanzionato (art. 622 cp). In casi particolari il professionista può eccepire il segreto professionale per impedire l’esame di documentazione e l’acquisizione di notizie. In questo caso i verificatori debbano, per poter procedere, ricevere l’autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria. Se il professionista ritiene illegittima l’autorizzazione dei PM potrà proporre ricorso in CTP, secondo la Corte di Cassazione a Sezioni Unite, altrimenti nel caso in cui non siano contestate violazioni fiscali potrà rivolgersi al giudice ordinario

    ACCORDI FISCALI

    Cooperative compliance, accordi trasparenti e condivisi. Gli accordi e gli obiettivi tra l’Agenzia delle Entrate e le società che decideranno di aderire all’istituto della cooperative compliance verranno sottoscritti tramite apposite modalità, contenute all’interno di un provvedimento che l’Agenzia pubblicherà e che prevede: chi deciderà di discostarsi dalla posizione dell’ufficio per poter fruire comunque del ravvedimento operoso con sanzioni dimezzate.

    Health Italia: RISULTATI 2016

    società quotata all’AIM, nel 2016 ha conseguito ricavi consolidati per 18 milioni (+52%) ed ebitda di 6,05 milioni (+36%).

    TPS Spa: DEBUTTO IN AIM

    L’holding operativa del gruppo TPS, leader nel settore dei servizi tecnici e di ingegneria in campo aeronautico, debutta oggi all’AIM. Nel 2015 ha registrato ricavi pari a 8,1 milioni, un ebitda di circa 1,3 milioni, conta circa 150 dipendenti tra ingegneri e tecnici specializzati. Nel primo semestre 2016 ha registrato ricavi pari a 7,9 milioni e un ebitda di circa 1,8 milioni. Obiettivo dell’operazione di ipo, realizzata interamente in aumento di capitale, è quello di consolidare il brand come operatore di riferimento del mercato dei servizi tecnici aeronautici e sostenere un progetto di sviluppo basato da una parte su una crescita per linee esterne e dall’altra mirato al potenziamento e all’avvio di nuove linee di business, altamente innovative e con elevate opportunità nel settore aeronautico e anche in altri settori industriali.

    PANDORA: RISULTATI 2016

    Nato nel 1982 a Copenhagen come negozio di gioielleria a conduzione famigliare, in 34 anni è diventato un marchio globale da 2,7 miliardi di ricavi ad altissima redditività: nel 2016 l’ebitda ha superato il miliardo, con un’incidenza sul fatturato di quasi il 40%,record dal 2010, anno della quotazione alla Borsa danese. Il mercato italiano nel 2016 è diventato il decimo a livello globale, con circa 270 milioni di euro (+54% sul 2015)

    MORELLATO : RISULTATI E PROSPETTIVE

    Morellato Group chiude il 2016 con ricavi a circa 166 milioni di euro, in crescita del 2,3% rispetto l’anno precedente. L’ebitda si è attestato a quota 28,5 milioni di euro, pari al 17,2% del fatturato, e in crescita del 27,8%. Per quanto riguarda il 2017, il gruppo di gioielleria e orologeria punta al rafforzamento della crescita dei brand di proprietà (Morellato, Sector No Limits, Philip Watch, Lucien Rochat, Chronostar e Bluespirit) nei mercati dell’Asia Pacific e “all’implementazione del già avviato processo di sviluppo dei servizi e delle attività omnichannel, relativamente al mercato italiano e a quello europeo, attraverso maggiore integrazione e coordinamento tra canali online e offline”, come riportato dalla nota ufficiale.

    IREN : RISULTATI 2016

    La multi-utility nata nel 2010 dalla fusione di Iride (che aveva unito AEM Torino e Amga Genova) ed Enia (che aveva unito Agac Reggio Emilia, Amps Parma e Tesa Piacenza) ha chiuso il 2016 con ricavi cresciuti del 6,1%, margine operativo lordo del 20%, utile netto del 47%.

    MOSCA. TAGLIA I TASSI

    Con una mossa a sorpresa la banca centrale russa ha abbassato di un quarto di punto, a 9,75%, il tasso di riferimento, per la prima volta da settembre, segnalando la volontà di continuare su questa strada nei prossimi mesi e quindi allentando leggermente la sua politica molto restrittiva, in una fase di recupero dell’economia nazionale.

    FISCO CANADESE E PANAMA PAPERS

    Niente fisco amico per i canadesi. Il Canada Revenue Agency (CRA), dopo lo scandalo dei Panama Papers, ha deciso di inasprire i comportamenti verso gli evasori fiscali. I primi contribuenti a farne le spese sono stati tutti quei soggetti coinvolti nello scandalo Panama Papers, questi ultimi,anche dopo aver saldato il loro conto con il fisco canadese, resteranno sempre dei sorvegliati speciali agli occhi del CRA. In più stop all’istituto della voluntary disclosure e sanzioni triplicate da 46 a 123mila dollari, per ogni infrazione fiscale rilevata dal fisco. Il Governo canadese ha investito 500 milioni nel CRA ed assunto 230 avvocati tributaristi, creato un apposito ramo denominato “international large business and crime investigation” per la fiscalità internazionale con 100 revisori specializzati e un sistema informatico per controllare in tempo reale tutti i trasferimenti mensili di valuta digitale.

    SAUDI ARAMCO: PRIMA EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA

    La compagnia petrolifera pubblica saudita si prepara per la sua prima emissione obbligazionaria, probabilmente entro la fine del mese, di circa due miliardi di dollari, nell’ambito di un più ampio programma di raccolta di finanziamenti, da dieci miliardi di dollari. L’autorità dell’Arabia Saudita di vigilanza sui mercati dovrebbe dare questa settimana il via libera alla vendita di bond islamici, o sukuk, che garantiscono agli investitori una rendita fissa in conformità al precetto musulmano contro i prestiti a interesse.

    PWC E MF GLOBAL : PATTEGGIAMENTO

    Ha patteggiato per 3 miliardi di dollari nella causa per negligenza con l’amministratore del suo ex cliente, MF Global, il broker di intermediazione sui futures collassato, a metà strada in una battaglia legale presso il Tribunale di New York.

    MILANO  E GLI INVESTIMENTI : LOMBARDIA IN TESTA

    Gli ultimi dati elaborati dalla Camera di Commercio di Milano e da Invest in Lombardy hanno registrato la presenza in Lombardia di 6.398 aziende a partecipazione estera, che generano ricavi per oltre 257 miliardi di euro e danno lavoro a 575mila dipendenti. La provincia di Milano è di gran lunga la più densa di imprese a partecipazione estera con 4.637 aziende a partecipazione internazionale, con 416mila dipendenti e ricavi per circa 200 milioni di euro. Al secondo posto si piazza Monza-Brianza con 452 aziende con 48896 dipendenti e 20 milioni e 500mila euro di ricavi. Seguono poi Bergamo (290 aziende e 41.728 dipendenti, 11 milioni di fatturato), Brescia (268 aziende) , Varese (263 aziende) e Como (174 aziende).

    TESTO UNICO TRIBUTARIO : DIRETTORE AGENZIA ENTRATE

    La sollecitazione per un testo unico in materia fiscale o più testi unici per le diverse imposte, ossia una riorganizzazione sistematica della normativa,  giunge dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi nell’ambito di un incontro su “ imprese e fisco digitale” organizzato dalla Luiss Business School.

    Comitato unitario permanente degli ordini e collegi professionali(CUP)

    Il Comitato unitario permanente degli ordini e collegi professionali(CUP) fotografa le professioni: con un rapporto di ricerca che indaga sotto forma di questionario, sull’andamento del reddito professionale, sulla situazione dei debiti con fornitori, banche e società finanziarie e sulla capacità di ottenere prestiti bancari, sugli elementi di maggior criticità attraversati dalla professione. Nel questionario viene chiesto , quali novità introdotte dalla riforma delle professioni (assicurazione obbligatoria, pubblicità, formazione continua ecc) vengono viste come opportunità per rafforzare la professione e quali come criticità, facendo una graduatoria per definire le priorità.

    BULGARI : NUOVO SITO PRODUTTIVO

    Uno dei principali marchi del lusso, proprietà di Lvmh, n crescita nel 2016 del 5% rispetto al 2015 con ricavi pari a 37,6 miliardi di euro, ha appena inaugurato la sua nuova manifattura ecosostenibile, un nuovo sito per la produzione di anelli, bracciali, orecchini, 14 mila m2 con 470 addetti impegnati in tutte le fasi della produzione, dalla creazione degli stampi con l’antica tecnica della fusione a cera persa.

    ELICA . RISULTATI 2016 E PREVISIONI DI CRESCITA

    Aumentare i ricavi da marchi propri, realizzare, sfruttando la stessa spinta sui brand di proprietà, maggiori efficienze nella filiera produttiva,: concretizzare i turn-around in Cina e Germania: sono tra le priorità di Elica, leader mondiale nel settore delle cappe da cucina., a sostegno del business, per rilanciare la redditività aziendale. Il gruppo nel 2016 ha visto ricavi pari a 439,3 milioni, in rialzo del 4,2% rispetto al 2015, con un mix di performance a livello geografico: le vendite in Asia, al netto della Cina, sono aumentate (+23,2%) ,soprattutto in scia ad India e Giappone. I Paesi Occidentali, dal canto loro, sono stati caratterizzati, da un lato, dall’incremento (+3,9%) dell’ Europa (con l’eccezione della Germania). E dall’altro, seppure più limitatamente, dalla crescita delle Americhe (+0,6%). L’utile operativo è stato di 6,5 milioni rispetto ai 16,2 milioni realizzati nell’esercizio precedente.

    SEAT. RISULTATI 2016

    La controllata spagnola del colosso Volkswagen, nel 2016 ha ottenuto i migliori risultati di sempre tornando in utile per la prima volta dal 2007. Nel 2016 la società ha fatturato 8,6 miliardi (+3,2%), risultato operativo pari a 143 milioni, utile netto pari a 874 milioni. La Germania si è confermata il primo mercato, seguito da Spagna, Regno Unito, Francia e Italia, in questi ultimi due paesi nel 2017 verrà lanciato il nuovo cross-over compatto

    ESSELUNGA : RISULTATI 2016 E NUOVE APERTURE

    Ha chiuso il 2016 con vendite in crescita del 3.1% a 7,5 miliardi di euro, con prezzi in diminuzione dell’1,1%. In calo da 431 a 405 milioni il risultato operativo e da 291 a 262 milioni l’utile netto, a seguito anche di svalutazioni immobiliari, mentre il margine operativo lordo è salito da 626 a 661 milioni. I Clienti sono saliti del 4,4%, a seguito anche dell’apertura di 4 nuovi negozi, mentre sono previste 5 nuove aperture, tra cui quella di Roma Prenestina, il prossimo 5 aprile, la prima nella Capitale.

    MPS: INGRESSO DELLO STATO NEL CAPITALE

    Lo stato di avanzamento delle trattative tra l’Unione Europea e il Min. Tesoro rafforza l’idea che venga rispettata la road map che prevede per la fine di maggio- inizio giugno l’approvazione definitiva del nuovo piano industriale del cda di MPS e l’ingresso dello Stato nel capitale della banca senese.

    CIA:  RISULTATI 2016

    La Società immobiliare ha chiuso il 2016 con ricavi in crescita del 66,3% a 8,52 milioni di euro, incremento attribuibile principalmente alla plusvalenza realizzata con la vendita di un immobile a uso uffici a New York, Manhattan, con la quale la società ha colto l’opportunità data dalla crescita del mercato immobiliare della metropoli statunitense. Il margine operativo lordo è balzato da 1,81 a 4,9 milioni, mentre il risultato di competenza del gruppo è stato negativo per 1,64 milioni di euro. La capogruppo ha registrato un utile netto di 0,98 milioni di euro, un margine operativo lordo in aumento a 3,84 milioni e ricavi in crescita a 5,86 milioni .

    TELESIA : RISULTATI 2016

    La società quotata sul mercato AIM Italia di Piazza Affari, controllata da Class Editori, ha approvato il bilancio 2016 con 5,04 milioni di fatturato e con un aumento del 2% dei ricavi provenienti dalla vendita di spazi pubblicitari sui diversi canali Go Tv della Società, l’ebitda si è attestato a 0,9 milioni di euro. Dall’inizio di marzo Class Editori ha firmato nell’interesse di Telesia un contratto esecutivo con Warrior Media China, società leader nell’installazione di schemi televisi in luoghi pubblici che presenta un modello di business simile alla Go Tv, anche per la raccolta pubblicitaria.

    HERMES : RISULTATI 2016

    Ha chiuso il 2016 con ricavi cresciuti del 7,5%, superando per la prima volta quota 5 miliardi con un aumento dell’8% nei negozi di proprietà e una progressione in tutte le aree geografiche. Il risultato operativo è salito del 10%, a 1,7 miliardi, pari al 32,6% del fatturato, l’utile netto è in crescita del 13%, ha superato, per la prima volta,  la quota di un miliardo:

    TELECOM : RISULTATI

    Torna all’utile, archiviando il 2016 con un risultato netto di 1,8 miliardi di euro, superiore alle stime degli analisti. I ricavi sono scesi del 3,5% a 19,025 miliardi (-2,6%), l’ebitda è migliorato del 14,2% a 8 miliardi. Per il 2017 la società prevede una crescita di ricavi ed ebitda in Italia..

    SEARS : UNA VITTIMA DELL’E-COMMERCE

    Il colosso storico della grande distribuzione americana è l’ultima vittima dell’avanzata dell’e-commerce online. Dopo anni di perdite e chiusure di punti vendita, la bancarotta appare molto vicina, non sono bastate la cura dimagrante degli ultimi anni, il fatturato è calato del 12% nel 2016 a 22 miliardi di dollari.

    CREDEM- RISULTATI 2016

    La controllata Credenleasing ha chiuso il 2016 con un utile netto di 11,8 miliardi di euro, in crescita del 12,5% rispetto all’esercizio precedente.

    FERROVIE NORD .RISULTATI 2016

    Ha archiviato il 2016 con un utile netto di 26,26 milioni di euro, in miglioramento del 30,3% rispetto al 2015.

    GO INTERNET . RISULTATI 2016

    La società che offre servizi di connessione internet e voce con tecnologie wireless di quarta generazione, ha realizzato nel 2016 ricavi per 6,34 milioni di euro, il 20% in più rispetto all’esercizio precedente. E anche la clientela è aumentata del 20 per cento, a quota 37.749 unità. L’ebitda è cresciuto del 25% a 2,51 milioni, con una marginalità del 39,4%, mentre l’utile netto si è fermato a 136mila euro (151mila nel 2015).

    GDF : RISULTATI IN LOMBARDIA

    Sono quasi 100mila gli interventi della Guardia di Finanza in Lombardia nel 2016, un lavoro diviso tra le due missioni di polizia economica (21%) e di polizia finanziaria (79%). In cifre si traducono in oltre 93 milioni di euro di sequestri patrimoniali per frodi fiscali, oltre 652 milioni di euro di proposte di sequestri per frodi, 48 milioni di euro di valori e titoli intercettati alla dogana, 8 milioni di prodotti contraffatti sequestrati, 83 milioni di euro sequestrati alla criminalità economico-finanziaria, 12 milioni di percezione o richiesta illecita di finanziamenti pubblici, 4 milioni di frodi accertate nel settore previdenziale e sanitario, 171 milioni di euro di danni patrimoniali allo Stato per sprechi e irregolare gestione dei fondi pubblici.

    HERA : RISULTATI 2016

    Archivia il 2016 con ricavi a 4.460 milioni di euro (-0,6%) rispetto al 2015, un margine operativo lordo in crescita del 3,6% a 916,6 milioni di euro e un utile netto di 207,3 milioni (+14,8%).

    FILA : RISULTATI 2016

    La Fabbrica Italiana Lapis e Affini, quotata al segmento Star di Borsa Italiana, ha chiuso il 2016 con un utile in crescita a 28,2 milioni di euro, rispetto ai 24,8 milioni del 2015, i ricavi sono saliti a 422,6 milioni, con un balzo del 55,3% sul 2015, grazie alla politica di acquisizione portata a termine nel corso dell’esercizio.

    PRYSMIAN : RISULTATI 2016

    E’ stata la redditività il tratto distintivo del 2016 per il gruppo Prysmian: ha chiuso l’esercizio fiscale con un ebitda da 711 milioni (+14,1%), una rettifica che ha abbracciato tutti i segmenti operativi, tranne oil &gas, che ha perso il 49%, attestandosi a 8 milioni, a causa dell’andamento dei prezzi del petrolio.

    SIA E JIFFY : CRESCITA NOTEVOLE

    Il servizio sviluppato da SIA per inviare e ricevere denaro in tempo reale dallo smartphone, utilizzando il numero di cellulare, ha superato i 4,2 milioni di utenti. Con questa crescita Jiffy diventa il primo servizio per pagamenti digitali p2p nell’Eurozona e secondo in Europa dopo Swish (5 milioni) attivo in Svezia e davanti a Paym (3,5 milioni) presente in Gran Bretagna. Attualmente sono 23 i gruppi bancari che hanno aderito al servizio e prossimamente aderiranno altre 3 banche.

    STAR CONFERENCE : BOOM DI PRESENZE

    Borsa Italiana non si aspettava di dover gestire ieri e l’altro ieri allo Star conference 2.400 incontri fra le 72 società dell’indice Star e gli investitori, cioè il 33% in più rispetto al 2016, di cui solo 2.000 tenuti nelle sale di Piazza Affari,”per mancanza di locali. E abbiamo dovuto pensare anche a incontri non più one to one, ma con più interlocutori” afferma Barbara Lunghi, responsabile Primary Markets di Borsa italiana. Secondo i dati di Borsa Italiana, il 90% degli investitori (in valore) di questo indice sono esteri per un totale di 600 case che operano attraverso 1.500 fondi.

    ZANETTI BEVERAGES : RISULTATI E CRESCITA

    Il gruppo ha chiuso il 2016 con ricavi per 917,5 milioni (-2,6%), un ebitda di 68,3 milioni (+17,2%), un utile di 16,76 milioni (+44,1%), studia potenziali operazioni industriali in Brasile e Cina, sta definendo un piano per lo sviluppo della rete di caffetterie. L’obiettivo è di arrivare dalle 330 caffetterie sparse nel mondo alle 500, sognando i 1000 punti vendita.

    GRANAROLO : RISULTATI E CRESCITA

    Il gruppo ha chiuso il 2016 con un giro di affari di 1,18 miliardi (+9,55%), con un importante contributo del business internazionale, un ebitda di 81 milioni. Prosegue nella definizione del piano industriale che prevede la crescita per linee esterne, come dimostra la nuova acquisizione brasiliana, ossia il 60% di Allfood Importacao, primo importatore e distributore di prodotti tipici europei in Brasile, un portafolio di 200 prodotti , di cui 48% italiani  e 33% propri.

    MATRICOLE : ANALISI ULTIMI CINQUE ANNI

    Tra le debuttanti di Piazza Affari c’è un po’ di tutto, si va dal boom al flop. Una carrellata delle matricole degli ultimi cinque anni incorona il lusso italiano: tutte le Maison del Made in Italy hanno regalato ai loro azionisti molte soddisfazioni. Lo scettro va a Salvatore Ferragamo che ha triplicato la sua capitalizzazione dal suo esordio nel 2011 (+199%), a seguire il cachemire di Brunello Cucinelli, che ha raddoppiato il valore (+150%), Moncler (+75%), OVS (31%), Technogym che, in meno di un anno, è salita del 50%. La migliore matricola degli ultimi anni è stato l’aeroporto di Bologna con un strabiliante +238% dopo 9 mesi. Al contrario Banzai e Banca Sistema hanno dimezzato il proprio valore (-40%),Poste Italiane accusa un 10% di perdita, Fincantieri in tre anni ha ceduto il 23%, si salva invece Enav che guadagna 1,22%.

    BIOVELOCITA’ : AUMENTO DI CAPITALE

    Il primo acceleratore italiano dedicato alle aziende biotech, con il sostegno di Banca Prossima ha raccolto 7,24 milioni di euro per un nuovo aumento di capitale. Si tratta di una delle raccolte più consistenti dell’ultimo biennio per una startup italiana. Biovelocità ha in portafoglio tre importanti progetti in collaborazione con scienziati italiani di primo piano impegnati nella ricerca su malattie genetiche rare, sul diabete, sull’oncologia e sull’invecchiamento cellulare.

    LEGGE PER TABELLE DEL TRIBUNALE E RISARCIMENTI DANNI

    Si applicheranno per legge, le tabelle del Tribunale di Milano sul risarcimento del danno non patrimoniale, onde garantire una  quantificazione unica nazionale, cosi come aveva già previsto la Cassazione nel 2011. Le tabelle servono a calcolare il risarcimento del danno quando si subisce un danno da lesione o da morte di un congiunto. L’obiettivo è garantire parità di trattamento in tutti i Tribunali, superando per legge , le differenze che si riscontrano, a seconda di quale sede giudiziaria tratti un determinato caso.

    STAR CONFERENCE 2017: RISULTATI E INDAGINE BANCA IMI

    Oltre 285 investitori in rappresentanza di 177 case di investimento, per il 63% estere: sono alcuni dei numeri della Star Conference 2017. Il segmento Star comprende 70 società quotate, con una capitalizzazione di 37,4 miliardi di euro complessivi e nel 90% gli investitori presenti nel capitale non sono italiani.

    Banca IMI ha svolto un’indagine su 40 società quotate sul segmento Star delle 70 presenti sull’uso degli strumenti fiscali previsti dalla legge di Bilancio 2017 nell’ambito delle Misure industria 4.0. Dalla ricerca è emerso che il 75% delle Società spinte dagli stimoli fiscali, ha investito in nuovi macchinari: 2 su 5 investiranno in beni immateriali, che beneficiano dell’iper ammortamento, il 50% ha incrementato le spese in ricerca e sviluppo e il 20% prevede benefici a livello di fatturato, il 55% ha dichiarato di aver applicato o aver intenzione di applicare il Patent Box

    BREXIT : PRIMI PASSI VERSO L’USCITA

    La premier britannica, Theresa May, scriverà all’UE per notificare il ricorso all’articolo 50 del trattato di Lisbona e avviare le procedure per l’uscita del Regno Unito dall’UE il prossimo 29 marzo, pochi giorni dopo il vertice di Roma per i 60 anni dell’Unione. Il summit dei leader europei che dovrà seguire l’avvio delle procedure per la Brexit si terrà entro 4-6 settimane dalla notifica annunciata. I Ministri degli Affari Esteri dei 27 paesi, riuniti nel Consiglio di Affari generali, si incontreranno per elaborare le “ direttive negoziali” nelle settimane successive al vertice e comprenderanno tre questioni: il conto che Londra dovrà pagare, le garanzie per i cittadini UE che vivono nel Regno Unito e i controlli al confine dell’Irlanda del Nord (aboliti nel 1998). L’ ottobre 2018 è l’ultima data utile per una bozza di accordo sulla Brexit.

    MARKETING FESTIVAL DI CLASS EDITORI

    Si apre domani il 1° Milano Marketing Festival, manifestazione organizzata da Class Editori n occasione del 25° anniversario di Italia Oggi. Perr tre giorni, fino a sabato 25 marzo, la Fabbrica del Vapore di Milano si animerà con conference, workshop e una grande mostra.

    PRADA : INNOVAZIONE CON I MILLENIALS

    Mettere insieme gli studenti di Yale e del Politecnico di Milano per tratteggiare il percorso di domani. Il summit organizzato da Prada in collaborazione con i due atenei aveva come scopo quello di esplorare e cercare di connettere creatività, sostenibilità e innovazione, il tutto in un confronto tra mondo accademico, finanziario ed imprenditoriale utilizzando, come punto di partenza e riflessione, i lavori prodotti dagli studenti, assistiti da tutor.

    CANDY : ACCORDO CINESE

    Fa squadra in Cina per la conquista del mercato delle lavatrici con l’obiettivo di vendere 4 milioni di unità nei prossimi tre anni. Il partner prescelto è Hefei Meiling, azienda quotata a Shenzhen, leader nel settore della refrigerazione con un fatturato pari al corrispettivo di oltre 1,4 miliardi di euro e una capillare capacità di distribuzione. Le due aziende hanno firmato un accordo di collaborazione strategica per la costituzione di una joint venture , chiamata Meiling Candy Washing Machine Limited company, che si occuperà della distribuzione e marketing nel solo mercato cinese delle lavatrici Candy.

    MONDADORI . RISULTATI 2016 E BLINDATURA

    Si prepara a una nuova fase espansiva, allo studio ci sono acquisizioni all’estero sia nel settore libri sia in quello dei periodici. Lo scorso esercizio si è chiuso con un fatturato per 1.262,9 mln (+12,4%) e con un ebitda adjusted pari a 108,5 milioni (+ 48,5%), il risultato netto è stato positivo per 22,5 milioni. Inoltre è stato deciso di sottoporre all’Assemblea degli azionisti la “ blindatura” della governance con la maggioranza del voto e la nomina del consiglio di amministrazione per liste bloccate (per evitare un Vivendi2)

    LVMH : CESSIONE A DE BEERS

    Si chiude il matrimonio tra LVMH e De Beers: il colosso francese ha venduto la sua partecipazione nella joint venture De Beers diamond jewellers, società fondata nel 2001 insieme al colosso diamantifero per la commercializzazione del marchio di preziosi. L’operazione  di cessione della quota LVMH al gruppo sudafricano De Beers ha effetto immediato, e segue un piano strategico che potrà avvantaggiare entrambe le parti. Lvmh punterà a rafforzare il polo di gioielli in-house focalizzandosi sui marchi di proprietà Fred, Bulgari, Chaumet che stanno godendo di una crescita significativa. De Beers potrà integrare operazioni retail con le diverse attività legate ai diamanti, forte di un esercizio fiscale 2016, archiviato con un fatturato di 6,1 miliardi di dollari .

    ARRETRATO TRIBUTARIO . TASK FORCE

    Sezioni specializzate della Corte di Cassazione per lo smaltimento dell’arretrato tributario: è la proposta di intervento legislativo avanzata dal plenum del CSM al Ministro della Giustizia su iniziativa della VI Commissione, approvata il 15 marzo 2017. Per l’organismo di autogoverno della magistratura resta elevatissimo il numero di procedimenti pendenti presso la Corte Suprema: 105 mila in un contesto in cui il 47% è da imputarsi alla sezione tributaria. Si propone una task force di almeno 50 magistrati professionali ,che in via temporanea, si occupi dell’arretrato della sezione tributaria.

    AGGREGAZIONE : LA CARTA VINCENTE

    Il comparto professionale, risente del contesto economico profondamente mutato, il futuro dipende dalla capacità di comprendere i paradigmi del nuovo scenario, secondo i giovani professionisti dell’Unione Giovani Dottori Commercialisti. Emerge cosi l’esigenza di trovare soluzioni adeguate per assicurare un futuro a questa attività. Una soluzione innovativa, segnalata dai giovani, può essere rappresentata dalle nuove forme di aggregazione professionale da parte dei professionisti più giovani possono cogliere queste opportunità a condizione di essere in grado di organizzarsi al meglio in strutture associate.

    STAR CONFERENCE 2017

    L’evento annuale dedicato all’incontro con gli investitori provenienti da tutto il mondo si è aperto stamane, 21 marzo e si chiuderà  domani 22 marzo. La Star Conference di quest’anno vedrà come protagoniste 61 delle 70 società quotate sul segmento STAR di Piazza Affari. Alla Conference sono presenti 285 investitori in rappresentanza di 177 case d’investimento di cui 37% domestiche e 63% estere (Italia 37%, Francia 13%, Svizzera 12%, UK 12%, Germania 9%, Paesi Nordici 6%, USA 5%, altro 6%). Il segmento STAR comprende oggi 70 società quotate, con una capitalizzazione complessiva pari a 37,4 miliardi di euro. Importante la presenza di investitori internazionali visto che il 90% degli investitori istituzionali sono infatti esteri.

    MOTO GUZZI : NUOVA ERA

    Dalla Normale alla Flying Fortress, la Fortezza Volante, qualche giorno fa è già passato quasi un secolo: 96 anni di Guzzi. Un mito che non si scolorisce col tempo, anzi: negli ultimi 8 anni le vendite sono raddoppiate. «Dalle 4.565 moto Guzzi del 2009, stagione in cui la crisi europea del settore delle due ruote è stata particolarmente acuta, siamo costantemente cresciuti. E abbiamo chiuso il 2016 con quasi 9.000 esemplari venduti». Roberto Colaninno, presidente e ad Gruppo Piaggio, fa i conti. E spiega. «È stato un lungo lavoro, frutto dell’evoluzione dei processi produttivi, di una sempre maggiore attenzione alla qualità, al servizio, alla rete di vendita. Abbiamo realizzato importanti evoluzioni a livello di telai e ciclistica, nuovi prodotti, sviluppato e coinvolto la nostra sempre più ampia community di appassionati ».

    ALITALIA E RYANAIR

    Il confronto è impietoso: il personale del vettore irlandese costa meno (fino al 40% meno) , ha oltre 100 milioni di passeggeri l’anno, contro 22,9 e conta 11mila dipendenti, contro 13mila. Alitalia, che secondo il piano di rilancio, dovrebbe effettuare tagli monstre da un miliardo di euro ed abbandonare delle rotte nazionali a medio raggio per restare competitivo, nonché ridurre le retribuzioni fino al 32% e gestire 2.037 esuberi.

    BREMBO : CONTINUA LA CRESCITA

    I ricavi erano poco più di un miliardo nel 2010, sono quasi 2,4 oggi, profitti netti di pari passo , anzi: il ritmo che porta dai 32 milioni di sei bilanci fa (3% del fatturato) ai 240 di adesso (10,6%). E’ il risultato di uno sviluppo tutto industriale e frutto solo in parte di acquisizioni, un ruolo chiave lo sbarco produttivo diretto negli stati Uniti, oggi primo mercato del gruppo con il 28% delle vendite e i dipendenti sono diventati oltre 9mila, tra ingegneri e specialisti di prodotto, impegnati quotidianamente a studiare e mettere a punto prodotti sempre più sicuri e dalle performance sempre più elevate, dimostrando quanto Brembo creda nelle infinite possibilità che il futuro può offrire.

    GROUPAMA ASSICURAZIONI : RISULTATI 2016

    La controllata italiana del gruppo francese Groupama, ha segnato un utile netto di 33,5 milioni di euro nel 2016, in crescita del 4,4%, rispetto ai 32,1 milioni del 2015. La raccolta premi complessiva si attesta a 1.465,5 milioni,

    CATTOLICA ASSICURAZIONI : RISULTATI 2016

    Chiude il 2016 con un utile netto consolidato di 93 milioni (+14,4% rispetto al 2015) e un utile netto di gruppo di 76 milioni (+25,2%).

    TIFFANY . RISULTATI 2016

    La storica casa americana di gioielli di lusso, Tiffany nel 2016 ha registrato un utile netto di 446 milioni di dollari e un fatturato netto a livello mondiale pari a 4 miliardi. Il margine lordo è stato del 62,2% e il margine operativo del 18%.

    BENETTON SFIDA ZARA

    Benetton sfida il gigante iberico dell’abbigliamento Zara, con 15 nuove aperture di negozi in tutta la Spagna, rafforzando cosi la presenza nelle maggiori città, nelle aree dello shopping e nei più importanti centri commerciali del Paese. Il primo store Benetton è stato aperto a Madrid lungo la Gran Via.

    INWIT : RISULTATI 2016

    Inwit ha chiuso il 2016 con ricavi pari a 333,5 milioni di euro, in crescita del 4,6%, rispetto ai 318,9 milioni di euro 2015 pro-forma. Il margine operativo lordo ha toccato i 163,6 milioni di euro, in salita del 13,4%, dai 144,3 milioni di euro 2015 pro-forma, mentre il reddito operativo si è attestato a 147,3 milioni di euro, in crescita del 15,6%, rispetto al dato proforma del 2015 di 127,4 milioni di euro. L’utile netto si è così attestato a 97,9 milioni di euro, in crescita del 16,7% rispetto al dato proforma del 2015 di 83,9 milioni di euro.

    BORMIOLI: ACQUISIZIONE

    Potrebbe finire in Germania. A farsi avanti per il gruppo, ora di proprietà del private equity Vision Capital, sarebbe infatti la multinazionale tedesca Gerresheimer. Da qualche mese l’azionista Vision Capital ha infatti messo la Bormioli in vendita, affidando l’incarico alla banca d’affari Rothschild, per un importo tra i 500 e i 600 milioni di euro. La multinazionale tedesca avrebbe fatto un’offerta preliminare, ma non sarebbe l’unico potenziale compratore in campo, visto che nella partita ci sarebbero anche alcuni fondi di private equity

    NOTAI : PASSAGGIO PROPRIETA’ IMMOBLIARE

    Per la prima volta in Italia, il Tribunale di Pordenone ha accolto il ricorso di due legali che hanno chiesto l’autorizzazione alla trascrizione nei registri immobiliari di un passaggio di proprietà nell’ambito di una pratica di negoziazione assistita. Il provvedimento, da considerarsi epocale, estromette di fatto la figura del notaio, non più indispensabile per questi atti, per cui il conservatore sarà obbilgato a trascrivere il passaggio di proprietà nei registri immobiliare senza coinvolgere un notaio.

    RESIDENZA IN ITALIA: PRIMI EFFETTI

    Sono 1.100 i Paperoni che hanno già manifestato interesse a trasferire la propria residenza in Italia. Questo è l’effetto della norma sulla tassazione forfettaria agevolata per i redditi di fonte estera di persone ad alta capacità contributiva.

    RCS :P RIMO RISULTATO POSITIVO

    RCS –Corriere della Sera torna in utile a fine 2016, con un risultato netto di 3,5 milioni di euro, dopo che l’esercizio precedente è stato archiviato in rosso per 175,7 milioni. Al 31/12/2016 i ricavi complessivi calano del 6,2%, con quelli editoriali pari a 380,4 milioni e la pubblicità pari a 451,2 milioni, ma l’ebitda migliora comunque a quota 89,9 milioni dai precedenti 16,4, grazie al contenimento dei costi, ai minori oneri ricorrenti e soprattutto considerando l’apporto delle singole aree di business.

    PRIVACY : L’AVVOCATO CHE CAMBIA STUDIO

    Secondo la Cassazione, viola la privacy l’avvocato che, cambiando studio, si porta via in una chiavetta i file con mailing list e l’intero archivio (atti e documenti) del precedente studio.

    ROBOTICA E M&A:

    Automazione industriale, tlc e robotica nel 2016 hanno costituito la fetta più importante delle acquisizioni nel mondo. Le operazioni in questo settore hanno sfiorato i 700 miliardi di dollari e sono anche aumentate del 3% rispetto al 2015. Tra i paesi che hanno saputo capitalizzare al meglio lo sprint c’è la Germania (+27%), mentre le imprese cinesi (+14%) sono state tra le principali artefici mondiali dello shopping. Anche in Italia, però, è iniziata la caccia alle imprese tecnologiche di eccellenza.

    PRIVATE EQUITY E BREXIT

    Ruolo chiave della Brexit: in sei mesi ha di fatto polverizzato il mercato inglese, crollato del 37%. Ma la spallata è venuta dal riassetto delle banche italiane che ha innescato la vendita di attività. Asset preziosi che hanno attratto i capitali internazionali, quelli gestiti dai grandi fondi che nel 2016 hanno mosso 120 miliardi sullo scacchiere europeo degli investimenti. Cosi l’Itaila è salita sul podio, con la medaglia d’oro di mercato che ha registrato il maggior interesse da parte degli investitori finanziari internazionali, fondi di private equity e asset manager. Ha chiuso il 2016 da incornicare con un jackpot di investimenti per 13,5 miliardi, + 38,2 rispetto al 2015.

    CASA: NUDE PROPRIETA’

    Aumentano le vendite di nuda proprietà, anche se i numeri direbbero che il tasso di incremento è inferiore rispetto a quello del mercato della casa nel suo complesso. Nel 2016 infatti si sono registrate 23.955 operazioni con un incremento del 11,5%, rispetto al 2015, mentre il mercato residenziale ha compiuto un balzo del 18,9%. La scissione del possesso di un immobile, tra nuda proprietà e usufrutto può essere anche fittizia e realizzata per motivi fiscali e /o di successione.

    GARA PER I TERRENI POST EXPO

    • Alla fine la corsa per l’acquisto dell’area post expo potrebbe diventare una volata a due: i giochi veri inizieranno il mese prossimo, momento in cui Arexpo, la società che ha in mano la trasformazione dell’area di Rho-Pero, invierà le lettere ufficiali di invito agli operatori immobiliari che si sono candidati per comporre il disegno complessivo del futuro Parco della Scienza, ma soprattutto per affittare per 99 anni parte dei terreni.

    La competizione potrebbe essere tra Coima, che con Porta Nuova ha scolpito il nuovo orizzonte della città e Lendlease, il fondo australiano che ha già messo gli occhi sulla zona di Santa Giulia.

    MILANO CON DUE ANIME CENTRALI

    • Milano ormai è composta da due anime: il cuore antico, la Galleria, il Duomo, Palazzo Reale e la Scala e dall’altra il centro nuovo con l’Unicredit Tower, piazza Gae Aulenti, il Pavillon e Il Bosco Verticale, il bianco e nero dell’Isola, quale crocevia di intellettuali, giovani e artigiani.

    CAPITALISMO FAMILIARE : I CINQUE PIU’ IMPORTANTI GRUPPI

    Il capitalismo familiare è ad un punto di svolta critico, infatti Affari e Finanza pubblica un’analisi di cinque fra i maggiori gruppi italiani, oltre 40 miliardi di fatturato complessivo: Luxottica, Indesit, Ferrero, Benetton ed Esselunga. Tutti stanno attraversando un delicato momento di transizione o per la scomparsa del fondatore (Bernardo Caprotti, Michele Ferrero, Vittorio Merloni) o perché la famigilia (Del Vecchio, Benetton) non riesce ad identificare un leader in grado di garantire stabilità e continuità di gestione. Come loro molti altri gruppi familiari faticano a trovare un posizionamento e una dimensione efficace per la competizione globale. Al punto che spesso la scelta si traduce in modo secco: lascia o raddoppia ( vedi CAprotti e Merloni che volevano vendere, mentre Ferrero era riluttante ad acquisizioni internazionali).

    MONCLER. RISULTATI 2016

    Proseguire nell’espansione e articolazione della rete di vendita, entrare attraverso il canale retail in nuovi mercati, valorizzare e far conoscere il marchio, agevolare l’evoluzione complessiva dei prodotti: sono tra le priorità di Moncler a sostegno del business Il fatturato 2016 si è assestato a 1,04 miliardi (+18%), l’utile operativo ha raggiunto i 313,4 milioni.

    GDF:RAPPORTO 2016- COLPITE NUMEROSE POSIZIONI IRREGOLARI

    Il 46% dei recuperi dall’evasione arriva dal fronte internazionale. Tra quelli che non hanno aderito alla voluntary un soggetto su tre controllati presenta irregolarità. Il Fisco Italiano fa sul serio nei confronti dei capitali irregolari all’estero: a ribadirlo è il rapporto della Guardia di Finanza di ieri sui dati 2016. Infatti su 4.453 soggetti sottoposti a controllo, per non aver aderito alla voluntary, dotati all’estero di beni patrimoniali non comunicati al Fisco, sono emerse 1.280 posizioni irregolari (30% circa), da cui sono scaturite proposte di recupero a tassazione per 284 milioni sul fronte  delle imposte dirette e 22 milioni per IVA evasa. Tra questi 276 erano evasori totali per il Fisco italiano, seppur noti alle banche estere, e 500 milioni di beni sono stati sottoposti a sequestro.

    A questo poi si aggiungono i controlli sugli appalti pubblici (34 irregolari), le prestazioni sociali, di cui hanno goduto 6 cittadini su 10 senza averne diritto o hanno avuto il ticket sanitario indebitamente, n. 8.000 dipendenti pubblici denunciati per danni erariali (5,3 miliardi), 56% accusati di abuso d’ufficio, 21% per peculato, 23 per corruzione e concussione; 181 reati di auto-riciclaggio, 840 reati di riciclaggio.

    Gli interventi non passano attraverso controlli indiscriminati, ma sono pianificati e mirati nei confronti dei più alti e insidiosi profili di evasione, si tratta di un piano d’azione sinergico e mirato con l’Agenzia delle Entrate.

    ASSICURAZIONI GENERALI: BILANCIO 2016

    Ha chiuso l’anno 2016 con 2,1 miliardi di profitti (+2,5%), il risultato operativo è cresciuto a 4,830 milioni (+0,9%), 70 miliardi di premi e una cedola in crescita del 1,1%. La presentazione di questi dati ha offerto al Ceo di mettere in chiaro un aspetto chiave: “l’investimento in Intesa San Paolo non è strategico, ossia ha un orizzonte temporale di breve termine”.

    AIM : PMI INNOVATIVE

    Ad oggi le PMI innovative quotate all’AIM sono sei: Giglio Group, MailUp, Fope, Digitouch, DHH ed Energica.

    TERNI ENERGIA . RISULTATI 2016

    La società che opera nei settori delle energie da fonti rinnovabili, nell’efficienza energetica e nel settore ambientale ha conseguito nel 2016 un utile netto di 1,1 milioni, in calo del 58,8% rispetto al 2015. I ricavi sono scesi del 76,7% a 86,1 milioni.

    INDITEX . RISULTATI 2016

    Società spagnola proprietaria della catena ZARA ha registrato nel 2016 una crescita dell’utile netto del 10% su base annua a 3,16 miliardi di euro. I ricavi sono saliti del 12% a 23,31 mld.

    ZIGNAGO VETRO: RISULTATI 2016

    Il produttore di contenitori in vetro cavo, destinati prevalentemente ai mercati delle bevande ed alimenti, della cosmetica e profumeria, dell’alta profumeria e dei vetri speciali, ha chiuso il 2016 con utile a 31,2 milioni (+7%), mentre i ricavi sono stati 322,9 milioni, con un calo della quota realizzata all’estero.

    FERRERO: ACQUISIZIONE USA

    Ha acquisito negli Stati Uniti , Fannie May, produttore statunitense di cioccolato per la fascia alta di mercato, a cui fa capo anche il marchio Harry London. Per la multinazionale di Alba, ancora impresa familiare (30.000 dipendenti e 10 miliardi di fatturato) si tratta della quarta acquisizione in poco più di due anni e vale circa 15 milioni di dollari. Fannie May porta in dote 8 negozi, uno stabilimento produttivo e 750 addetti.

    TERNA: RISULTATI 2016

    Il gruppo, operante nelle reti per la trasmissione di nergia elettrica, ha chiuso il 2016 con un risultato netto in aumento del 6,3% a 633,1 milioni, mentre la crescita dei ricavi non è andata oltre l’1% a 2,1 miliardi. Nel corso del 2016 ha investito complessivamente 854,3 miliardi, una somma in linea con il piano di sviluppo della rete di trasmissione nazionale e con il piano strategico aziendale

    NICE SPA : RISULTATI 2016

    La società, produttrice sistemi per l’automazione della Casa ha chiuso il 2016 con ricavi pari a 309,1 milinoi di euro (+7,4% su base annua) e un utile netto di gruppo pari a 19 milioni (15,2 nel 2015).

    MUTUI ONLINE : RISULTATI 2016

    La holding di un gruppo di società di servizi finanziari ha chiuso il 2016 con ricavi cresciuti del 14,4% su base annua a 138,1 milioni di euro e l’utile operativo è salito del 10% a 35,2 milioni.

    FEDERAL RESERVE. AUMENTO DI TASSI

    La Federal Reserve ha alzato per la seconda volta in 3 mesi il costo del denaro, portando i tassi di riferimento a breve termine 0,75%-1%, un ritocco di 25 punti base.

    LA BREXIT : CONSEGUENZE FISCALI

    Il 23 giugno , il 51,6% dei cittadini del Regno Unito ha scelto di lasciare l’Unione Europea. A distanza di qualche mese l’annunciata catastrofe non c’è stata, questo perché l’ Italia è tra i paesi UE il meno vulnerabile secondo lo S&P Brexit Sensitivity Index, poiché le esportazioni verso UK ammontano al solo 1,6% del pil e gli investimenti diretti nel Regno Unito all’ 0,2%- Una svolta potrebbe arrivare a breve visto che la Camera dei Comuni ha approvato in via definitiva la legge che autorizza il governo ad attivare l’art.50 del trattato di Lisbona e iniziare i negoziati.

    Secondo Paolo Besio, partner di Bernoni Grant Thornton, a quel punto da valutare saranno le conseguenze fiscali per le multinazionali che dipenderà dall’esito delle trattative con l’Unione. L’ordinamento britannico è influenzato dalle direttive e dalla soft law europee e potrebbero intervenire cambiamenti nell’imposizione in UK e nei rapporti con gli altri Stati.

    NOTIFICHE , RACCOMANDATE INFORMATIVE

    Secondo la sentenza della Cassazione Sezioni Unite , in caso di notifica dell’atto tributario a persone diversa dal destinatario è obbligato a trasmettere la notizia della notifica con l’invio e la ricezione della lettera raccomandata informativa a favore del contribuente. Non è infatti sufficiente la sola spedizione. In difetto il procedimento notificatorio si considera nullo, stante la natura creditizia degli atti tributari.

    RIFORMA DEL CATASTO e

    La riforma del catasto torna nel nuovo piano nazionale delle riforme (PNR) che accompagnerà il documento di economia e finanza in arrivo per il prossimo aprile. Il principio sarebbe garantire l’invarianza per le casse dello Stato senza aumentare la tassazione, ma ridistribuendo il carico fiscale tra periferie e centro.

    Nello stesso pacchetto si pensa anche a una revisione della riforma dei giochi pubblici, che andrebbe in parallelo con la revisione della tassazione, il rilancio della fatturazione elettronica attraverso l’incentivazione della e-fattura, tempi più brevi per le liti tributarie attraverso una rottamazione con il limite di mediazione a 50.000€ e una task force di giudici per smaltire l’arretrato.

    AGENZIA DELLE ENTRATE: NUOVO BANDO

    Prepara un nuovo bando azzerando quello vecchio. Il Direttore dell’Agenzia delle Entrate. R.Orlandi, ha annullato in autotutela il concorso per l’assunzione di 400 dirigenti.

    GRUPPO CATALGIRONE : RISULTATI 2016

    Chiude il 2016 con un risultato netto di 155,3 milioni, in forte aumento (+83%), rispetto al 2015. I ricavi operativi sono stati pari a 1,41 miliardi (+3,9%).

    TAMBURI INVESTMENT PARTNERS. RISULTATI 2016

    La società è una Investment – Merchant Bank Indipendente, focalizzata su medie aziende italiane, ha chiuso il 2016 con 86 milioni di utile. Il patrimonio netto consolidato ha superato i 437 milioni. I ricavi del settore advisory hanno raggiunto i 12 milioni contro i 4 milioni del 2015.

    ASTALDI : RISULTATI 2016

    Ha archiviato il 2016 con un utile netto di 97,4 milioni di euro (+25%), i ricavi sono saliti del 5,2% a oltre 3 miliardi, il portafolio ordini è pari a 19,5 miliardi di euro (+9%)

    Dal mondo delle Assicurazioni

    • Helvetia

    Il gruppo assicurativo svizzero è arrivato al 100% della compagnia assicurativa Chiara Assicurazioni acquisendo il 47% delle quote che erano rimaste in mano alle banche partner nella distribuzione delle polizze Danni, ovvero Banco Desio, CR Asti, BCC di Roma, CR Cesena e Cr Ferrara, un’operazione da 20 milioni di euro che potrebbe rappresentare la prima di una serie di mosse del gruppo in Italia.

    • EUROVITA

    Il fondo di private equity inglese, Cinven tratta con il fondo private equity americano JC Flower che detiene circa l’80% della compagnia italiana Eurovita. Il fondo americano potrebbe già decidere di passare alla cassa, monetizzando la crescita repentina messa a segno dalla compagnia in questo periodo, Il giro d’affari, dai poco meno di 600 milioni di premi vita del 2014 è praticamente raddoppiato e JC Flowers ha già ottenuto in cambio buoni dividendi  rientrando in parte dei 47 milioni investiti nel 2014. Cinven è molto interessato a crescere ancora in Italia sul fronte assicurativo, dopo aver comprato le compagnie italiane del gruppo Ergo e Old Mutual Wealth Italy e averle convogliate sotto l’unico cappello della holding Phlavia Investimenti.

    • Vittoria Assicurazioni

    Ha chiuso il 2016 con premi contabilizzati complessivi pari a 1,279,7 milioni di euro (-1,3% su base annua). I premi di lavoro diretto dei rami danni sono saliti dell’1,1% a 1,081,1 milioni. I premi auto sono migliorati dell’0,7% a 777,1 milioni.

    VOLUNTARY E I “ RECALCITRANTI”

    Il Ministero dell’Economia e Finanza e l’Amministrazione Federale svizzera hanno concluso un accordo per rendere operativo lo scambio di informazioni ai fini fiscali attraverso “ richieste di gruppo”, in base all’art.27 della convenzione per evitare le doppie imposizioni tra l’Italia e la Svizzera., allineando cosi lo scambio di informazioni tra i due Paesi agli standard OCSE. Tale intesa riguarda i “recalcitranti”, cioè gli italiani che non hanno fornito “ adeguate rassicurazioni” sulla regolarità dei depositi presso le banche svizzere e che non hanno usufruito della prima voluntary. Grazie allo scambio automatico di informazioni, in vigore dal 2017, i flussi di informazioni fiscali riguarderanno una buona fetta di mondo e non solo la Svizzera.

    PROCESSO TRIBUTARIO ONLINE DA FACOLTATIVO A OBBLIGATORIO

    • Il processo tributario online obbligatorio è la direzione in cui si sta muovendo il Governo, a circa un mese dalla data in cui il Processo Tributario Telematico (PTT) affronterà il banco di prova più rilevante abbracciando Lazio e Lombardia, ossia le due regioni principali in termini di numero di ricorsi e valore economico delle controversie, per essere poi esteso in tutta Italia entro fine anno. Questo è uno degli spunti emersi in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario tributario in Lombardia, dove Paola Alifuoco, direttore della segreteria della Commissione tributaria regionale (CTR) milanese, il PTT consentirà un ulteriore semplificazione delle modalità di deposito dei ricorsi e degli appelli per poter fronteggiare le esigenze dell’utenza lombarda.

    SAVE : RISULTATI 2016

    Risultati e dividendo in crescita per Save. Il fatturato del gruppo che controlla l’aeroporto di Venezia,-Treviso e Verona è salito a 188,2 milioni (+13,1%), Mol a 87,7 milioni (+19,0%) e l’utile a 42 milioni (+43,9%).

    FERRAGOMO, TODS: PRIMI DEFINIZIONI NEL PATENT BOX

    Effetto Patent Box sull’utile netto per Ferragamo e Tod’s: le due società del lusso, le prime ad avere avuto l’ok dall’Agenzia delle Entrate all’applicazione della nuova norma sui conteggi fiscali, hanno registrato un risparmio fiscale pari a 7,4 milioni per Tod’s e 32 milioni per Ferragamo, grazie al Patent Box. Ferragamo ha chiuso l’esercizio 2016 con un utile netto di pertinenza del gruppo in crescita del 17%, rispetto al 2015, mentre Tod’s con un risultato in calo, pari a 86,3 milioni rispetto ai 92,7 del 2015.

    COFIDE . RISULTATI 2016

    Cofide ( Gruppo de Benedetti) ha chiuso il 2016 con un utile netto di 21,2 milioni (+13,4%) a fronte di ricavi per 2,62 miliardi (+3%).

    BORSA ITALIANA: NUOVE MATRICOLE

    • CRESCITA:

    Nuova matricola su AIM Italia una spac, ossia un veicolo di investimento contenente esclusivamente cassa e costituito per raccogliere fondi al fine di effettuare operazioni di fusione e/o acquisizione di aziende. La Spac ha raccolto nel complesso 130 milioni su un totale di 108 investitori,  l’obiettivo era di 100 milioni.

    • AVIO

    Si prepara al previsto debutto in Borsa nel segmento Star, gli istituti coinvolti nel collocamento, Banca IMI, Banca Leonardo e Intermonte, più Equita nel ruolo di sponsor. La capitalizzazione prevista si dovrebbe aggirare sui 330 milioni e Avio sarà una public company tecnologica , la prima quotata al mondo specializzata nei razzi per satelliti.

    • Il lusso si prepara per lo sbarco in Borsa. Fra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, potrebbero sbarcare a Piazza Affari due tra i marchi italiani più noti nel fashion e negli accessori., cioè Valentino e Furla.
      • VALENTINO: Le banche d’affari, interessate a far parte del consorzio di coordinatori dell’offerta, starebbero in particolare sondando l’azionista di Valentino, cioè la holding Mayhoola che fa capo ai reali del Qatar. Valentino era stata rilevata dai regnanti di Doha nell’estate del 2012 per 720 milioni di euro: un prezzo che era sembrato in prima battuta esagerato, visto che il bilancio 2011 si era chiuso con un fatturato di 322,4 milioni di euro, ma l’azienda ha spinto negli ultimi anni sulla crescita: archiviando il 2016 con una crescita di quasi il 10% del fatturato a 1,1 miliardi di euro.
      • FURLA

    Stesso disegno per questo marchio del lusso. Al lavoro sul dossier sarebbe la società d’investimento Tip, entrato nel gruppo famoso per borse e accessori, tramite un prestito convertibile. Anche in questo caso le banche starebbero sondando gli azionisti per costituire il consorzio. L’orizzonte temporale dell’Ipo è sempre tra fine 2017 e inizio 2018. Furla, che nel 2016 ha archiviato un fatturato superiore ai 400 milioni e un Mol di una sessantina di milioni, potrebbe valere in Borsa attorno ai 700 milioni di euro.

    Il Sole 24 Ore : aumento di capitale e nuovo direttore

    Aumenterà il capitale di 60-70 milioni a fine aprile. L’operazione sarà aperta al mercato, anche se Confindustria, al momento, con risorse per 40-50 milioni, vuole mantenere il controllo della società (ha il 67,5%Il CDA ha nominato direttore della testata il Dr. Guido Gentili.

    REMEDIA : RACCOLTA RECORD

    Remedia – principale Sistema collettivo italiano per la gestione ecosostenibile di tutte le tipologie di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, pile e accumulatori e impianti fotovoltaici – ha chiuso il 2016 con una raccolta di 67mila tonnellate, un incremento del 68%, rispetto al 2015. Il Consorzio continua a garantire un’alta efficienza nel servizio, con una puntualità di ritiro superiore al 99%, per quanto riguarda i RAEE domestici. Progredisce la raccolta per tutte le categorie di RAEE domestici, dalla categoria R1 (Freddo e clima) alla categoria R5 (Sorgenti luminose). La Lombardia svetta in classifica come la regione più produttiva, per quantità di RAEE domestici raccolti, seguita da Campania e Veneto.

    IMA : RISULTATI 2016

    Il gruppo, attivo nella progettazione e produzione di macchine automatiche per il confezionamento di prodotti alimentari e farmaceutici, ha chiuso il 2016 con un utile netto di 93,5 milioni di euro,(+33,8%), rispetto al 2015, i ricavi netti sono aumentati del 18,1% a 1,31 miliardi, una quota di export superiore all’86% grazie agli ottimi risultati ottenuti in Asia, Cina e Medio Oriente, ebitda di 170,2 milioni (21%), portfolio ordini in crescita del 17,9%.

    MARR : RISULTATI 2016

    La società attiva in Italia nella commercializzazione e distribuzione all’ingrosso di prodotti alimentari ha chiuso il 2016 con un utile a 58,5 milioni di euro, ricavi totali per 1,5 miliardi, trainati in particolare dalle vendite verso clienti delle categorie Street Maker (mercati rionali, 983,9 milioni)  e National account (distributori di respiro nazionale, 279,8 milioni).

    Powered by WordPress Web Design by SRS Solutions